Stratagemmi inutili

Di’ dunque che sei mia sorella, perché io sia trattato bene a motivo di te e la vita mi sia conservata per amor tuo. (Genesi 12:13)

Spinto dalla carestia, Abramo scese nelle fertili pianure d’Egitto. Qui, il patriarca, temendo che la bellezza di Sara, sua moglie, potesse attrarre gli Egiziani al punto da indurli ad ucciderlo, scogita un piano e la convince a prsentarsi in pubblico come sua sorella. Si trattava della classica, quanto inutile, “mezza verità”, perché Sara era effettivamente figlia di Tera e quindi sorellastra di Abramo.

Andando a monte della faccenda, se egli avesse confidato appieno nella protezione del Signore non sarebbe sceso in Egitto, ma avrebbe atteso che Dio si prendesse cura di lui. Quell’infelice strategemma è l’ennesima prova che l’infedeltà o la furberia non “pagano” mai, causando invece rischi e problemi a colui che le commette e a quanto lo circondano.

Se ti trovi nella carestia, fa attenzione a non aggiungere problema a problema con raggiri umani imbarazzanti e strategemmi poco dignitosi per te e per la tua famiglia. Non rifugiarti in qualche mezza verà, ma proponiti di camminare appieno nelle vie della fede nel Signore, vie di luce e di completa benedizione, spirituale e materiale. Onora Dio e Lui ti onorerà!

Leave a Reply