Un luogo inevitabile

Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il giudizio, così anche Cristo, dopo essere stato offerto una volta sola per portare i peccati di molti, apparirà una seconda volta, senza peccato, a coloro che lo aspettano per la loro salvezza. (Ebrei 9:27-28)

Gesù ha parlato molto dell’inferno, anzi possiamo affermare che è stato il predicatore che più ne ha parlato. Pertanto, non vogliamo starne alla larga considerandolo un argomento spiacevole, ma dargli una spiegazione biblica affinché si comprenda che è un luogo inevitabile, quanto alla parola, ma da scansare di fatto.

L’apostolo Paolo si trovava nell’Areopago, il tempio consacrato a Marte, quando disse che Dio, passando sopra i tempi dell’ignoranza, ora comandava a tutti gli uomini di ravvedersi, perché aveva fissato un giorno nel quale avrebbe giudicato il mondo con giustizia. (Atti 17:30-32)

Gesù aveva parlato di sentenza, Paolo e gli altri apostoli parlavano di sentenza e la Bibbia parla di giudizio, per cui dobbiamo parlarne anche noi, dando una giusta chiave a tutto ciò, in modo che sia compreso per ciò che realmente è.

Se stessi passando sotto un palazzo in fiamme e vedessi un uomo che non si è accorto di nulla, non ti lanceresti contro la porta buttandola giù e salvandogli la vita? Bene, tutti gli uomini che non si ravvedono vivranno eternamente tra le fiamme, questa volta però con consapevolezza e dolore, e noi abbiamo il dovere morale almeno di annunciargli che possono salvarsi dall’incendio.

Ci sarà il giorno del giudizio, della sentenza e della giustizia, dove purtroppo sentirai il fuoco bruciare sulla tua pelle, ma oggi ti stiamo annunciando che puoi uscire dalle fiamme ed essere condotto in un luogo di restauro, freschezza e gioia eterna. Lo vuoi? Bene, accetta Gesù nel tuo cuore e comincia a vivere come Lui vuole. Vedrai l’incendio, in cui risiedevi, spegnersi totalmente e sarai salvo dalle fiamme eterne.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.