Accetta il “no”

Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò. (Giovanni 14:14)

Clara era una bimba molto capricciosa; tutto ciò che voleva l’otteneva, bastava solo chiedere. Un giorno chiese a suo nonno di tagliare un fiore per una decorazione, ma il nonno le rispose con un no categorico. La bimba disse: “Come no? Tu mi dai sempre quello che voglio, perché adesso no?”.

Il nonno le rispose: “Figlia, il fiore sta quasi per sbocciare, per adornare i verdi boschi di bellissimi colori, che utilità avrà sulla tua bambola?”. Clara rispose: “Beh nonno, renderà più bella la mia bambola e tutte le altre bambine vorranno una bambola come la mia”. E il nonno: “Piccola, vale la pena far morire un fiore per una bambola? Fino ad ora ti ho dato tutto quello che hai chiesto, ma è arrivato il tempo che cominci a non chiedere altro”.

Gesù ci ha insegnato a pregare chiedendo nel Suo nome e che, tutto quello che domandiamo, ci sarà dato; molte volte però ciò che vogliamo non è in accordo con il volere divino e, poiché la sapienza di Dio è infinita, non può accontentarci. Un “no” di Dio, anche se all’inizio sarà duro da accettare, porterà sempre una benedizione.

Impariamo ad essere grati anche quando non riceviamo ciò che chiediamo perché di sicuro è per il nostro bene.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.