Ambizioni sbagliate

Il SIGNORE discese per vedere la città e la torre che i figli degli uomini costruivano. Il SIGNORE disse: «Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola; questo è il principio del loro lavoro; ora nulla impedirà loro di condurre a termine ciò che intendono fare. (Genesi 11:5-6)

La torre di Babele era davvero altissima ed aveva raggiunto il cielo. Il Signore si meravigliò della loro ambizione, anche se sapeva che in realtà era ridicola. Come potevano pensare di arrivare a Lui mediante una costruzione umana?

Cosa stai costruendo oggi? E’ per caso qualcosa che non rientra nei piani di Dio? Gli hai presentato il tuo progetto? O intendi sfidarlo come fecero gli uomini di questo versetto, credendoti abbastanza saggio e intelligente da poterlo fare?

Se si tratta di qualcosa che Dio non approva, molto probabilmente non interverrà subito, ma ti lascerà fare per due motivi: uno, per vedere fin dove arrivi; due, per darti il tempo di rientrare in te e pentirti. Tutto ciò che costruisci, anche se con duro lavoro, può funzionare per un po’, ma non lasciarti ingannare dalle apparenze: se i tuoi progetti non sono benedetti dal Signore, avranno vita breve!

Come fare, allora, per vedere se le nostre ambizioni sono giuste o sbagliate? Come riconosceremo se rientrano nei pianti di Dio?

Semplice, presentiamole a Lui in preghiera ed immergiamoci nella Sua Parola la quale ci guiderà in ogni passo e ci mostrerà la giusta via. Cominciamo a pensare con la mente di Cristo, siamo umili ed affidiamoci a Dio; eviteremo così ambizioni sbagliate, fallimenti e dispiaceri.

Leave a Reply