Che cerchi?

Ma Gesù, voltatosi e vedendo che lo seguivano, disse loro: «Che cercate?». Essi gli dissero: «Rabbi (che, tradotto, vuol dire maestro), dove abiti?». (Giovanni 1:38)

Cosa risponderemmo se il Signore ci chiedesse: “Che cercate?”. Domanderemmo salute? Un lavoro? Un matrimonio o una famiglia più felice? Sicurezza economica?

Due discepoli di Giovanni il battista si sentirono rivolgere proprio questa domanda. Giovanni era stato un buon maestro spirituale, perché la risposta dei due discepoli rivelò che non stavano cercando qualcosa di indefinito, o delle semplici benedizioni o chissà cos’altro, bensì Cristo stesso. Volevano sapere dove abitava Gesù, il Suo indirizzo.

In altri termini, volevano sapere dove trovarLo, erano interessati a qualcosa di diverso del ricevere o vedere miracoli per le strade. Egli non soltanto mostrò il luogo, ma passò il resto della giornata con loro.

Quante volte perdiamo l’opportunità di passare del tempo con Gesù perché stiamo cercando qualcosa di diverso dalla Sua Persona, dalla Sua grazia, dalla comunione con Lui. Impariamo da quei due discepoli a cercare prima di ogni cosa il Signore e la Sua presenza. Tutte le altre cosa assumeranno la giusta dimensione e collocazione. Tutto il resto ci verrà dato in più, ma prima cerchiamo Lui.

Cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno date in più. (Matteo 6:33)

Leave a Reply