Cosa significa essere cristiani

Gesù disse allora ai Giudei che avevano creduto in lui: «Se dimorate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». (Giovanni 8:31-32)

Hai mai pensato di diventare “cristiano” significa entrare a far parte di una categoria speciale e privilegiata in cui il duplice scambio dare/ricevere fra te e Dio non sia la componente primaria? Ad esempio: se doniamo un’ora del nostro tempo a Dio, Egli deve restituirmi almeno un miracolo in cambio di vario genere: protezione, cibo, salute, buon lavoro, buon matrimonio, casa ecc. …

Spesso dimentichiamo che essere cristiani significa letteralmente seguire Cristo, e quindi, fare ciò che Egli ha fatto. Se riflettiamo bene sulla vita di Gesù, qui sulla terra, scopriamo che Egli è venuto per compiere la volontà di Suo Padre! Non è venuto per una visita turistica, né per curiosità. No! Niente di tutto questo!

Il Figlio di Dio, ha preso forma umana in Gesù per compiere un’opera ben precisa e importantissima che lo ha portato a vivere come un pellegrino, deriso e non capito. La Sua opera era così importante che il Suo compimento lo ha portato alla morte, non ad una morte qualunque, ma alla crudele e terrificante morte alla croce.

Per questo mi ama il Padre, perché io depongo la mia vita per prenderla di nuovo. Nessuno me la toglie, ma la depongo da me stesso; io ho il potere di deporla e il potere di prenderla di nuovo; questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio. (Giovanni 10:17-18)

Per ognuno di noi, Dio ha un piano ed un disegno, una vita unica che crescerà in mezzo a gioie, ma anche a dolori, preoccupazioni e sofferenze, ma crescerà!

Diverrà una vita che servirà per un’opera importante: avrà le sue capacità e i suoi talenti e avrà anche un bagaglio di esperienza, che l’aiuteranno a compiere questo lavoro in modo efficiente e fruttuoso. Questo è un cristiano: una persona che ha deciso di mettersi nelle mani di Dio per lasciarsi trasformare in un servo, utile allo scopo che Dio ha prefisso per lui.

Ma allora ci domandiamo: “Un cristiano non ha nessun diritto?”. Ebbene, sì! C’è da dire che il padrone del cristiano è Dio e questo cambia tutto, perché non esiste padrone più generoso, comprensivo e amorevole di Lui. Il Suo servo è la cosa più preziosa che ha: vale quanto Suo Figlio, quando il Suo sangue. Paolo dice in Romani 8:32: “Certamente colui che non ha risparmiato il suo proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà anche tutte le cose con lui?”.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *