Grida a Dio

Ora tutte le cose sono da Dio, che ci ha riconciliati a sé per mezzo di Gesù Cristo e ha dato a noi il ministero della riconciliazione, poiché Dio ha riconciliato il mondo con sé in Cristo, non imputando agli uomini i loro falli, ed ha posto in noi la parola della riconciliazione. (2 Corinzi 5:18-19)

Era il febbraio del 2000. Avevo solo diciannove anni e stavo ricordando quella che era stata la mia vita fino a quel momento. La tragica perdita di mio fratello, scomparso a soli otto anni, non mi aveva permesso di vivere un’infanzia felice e nemmeno di avere una famiglia unita o piena d’amore.

Nella mia adolescenza avevo un solo ed unico desiderio: l’amore di una famiglia, un sentimento che mi era sempre stato negato. Così m’innamorai; sul mio ragazzo costruii un “castello di sogni” che si spezzò dopo sette anni di fidanzamento, quando lui mi lasciò. La vita si racchiuse in un solo vortice: la solitudine! Pian piano mi visitò anche la depressione e col seguire dei giorni mi incamminavo in quella che sarebbe diventata anoressia.

Una sera di febbraio successe qualcosa … Avevo sempre sentito parlare di Dio e così nella mia disperazione, sul balcone di casa mia, gridai a Lui. All’improvviso una voce mi disse: “Non temere, tu mi appartieni” (Isaia 43:1). In quel preciso momento la mia vita cambiò. Incontrando Gesù nella mia vita la solitudine cessò di esistere e la depressione se ne andò.

Oggi sono sposata con un uomo meraviglioso, che mi ama veramente e soprattutto ama Dio come lo amo io! Ogni giorno il Signore mi rammenta il nostro incontro, ricordandomi una grande verità: “Se uno è in Cristo è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate, sono diventate nuovo” (2 Corinzi 5:17).

Ho imparato che Gesù può salvare da ogni forma di peccato. Io stavo morendo con l’anoressia e la depressione, pensando che nessuno potesse amarmi. Ma queste sono solo bugie: Dio ti ama e nessuno può amarti quanto Lui. Fai come ho fatto io: grida a Lui e ti risponderà!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.