La potenza del perdono

Ma io vi dico: Amate i vostri nemici, benedite coloro che vi maledicono, fate del bene a coloro che vi odiano, e pregate per coloro che vi maltrattano e vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro, che è nei cieli, poiché egli fa sorgere il suo sole sopra i buoni e sopra i malvagi, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. (Matteo 5:44-45)

“Demetrio era stato un mio compagno di cella, imprigionato come me a causa della sua fede in Cristo. Quand’era in prigione, una guardia lo colpì ripetutamente con un martello sulla colonna vertebrale. Il risultato fu che adesso, purtroppo, Demetrio è paralizzato. E’ in un letto senza poter muovere né braccia né gambe.

Caduto il regime politico, l’ufficiale della Securitate (la polizia segreta rumena) che aveva distrutto la sua vita, andò a bussare alla porta della sua abitazione e gli disse: “So che non potrò essere perdonato. Quello che ho fatto è troppo odioso. Ma ascolti solo le mie scuse e me ne andrò”. Demetrio gli rispose: “In questi vent’anni ho pregato tutti i giorni per lei. La stavo aspettando. La perdono”.

Questa è l’essenza del cristianesimo! Nient’altro che questo.” (Testimonianza di Richard Wurmbrand)

Ci sentiamo molto piccoli rispetto a Demetrio. Ma impariamo, come lui, a pregare per quelli che ci hanno fatto dei torti. Gesù stesso, quand’era crocifisso, ha pregato per i suoi carnefici. E ha insegnato ai suoi discepoli a fare altrettanto.

E Gesù diceva: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno». (Luca 23:34)

Pregando, riceviamo la forza per perdonare. Perdonando, gustiamo maggiormente il perdono di Dio verso di noi. Il nostro cuore si scioglie e trova la forza di amare. Il risentimento lascia il posto alla compassione verso coloro che ci hanno offesi. Chissà che un giorno anche loro non si abbandonino all’amore di Cristo!

Leave a Reply