Le levatrici coraggiose

Dio fece del bene a quelle levatrici. Il popolo si moltiplicò e divenne molto potente. (Esodo 1:20)

Il popolo d’Israele aveva convissuto in pace pienamente integrato con gli egiziani, fino a che divenne faraone Ramses II, il quale fu spaventato dalla numerosità degli ebrei ed ebbe timore che questi potessero modificare il suo potere.

Pertanto, improvvisamente, dopo averli dichiarati schiavi, decise di attuare una manovra di omicidio di tutti i bambini maschi che nascevano nel popolo di Israele. Un giorno, le due levatrici ebree Scifrah e Puah furono convocate a corte e il faraone ordinò loro, che quando assistevano ad un parto, se il bambino era maschio avrebbero dovuto ucciderlo.

Scifrah e Puah, consce che potevano perdere la loro vita stessa, disubbidendo al faraone, non fecero minimamente ciò che era stato richiesto; anzi, quando il faraone chiese loro spiegazioni, ebbero intelligenza e audacia nel rispondere. Il Signore, nell’osservare il coraggio e la fiducia di queste donne, le benedisse grandemente, tanto che al verso 21, si legge che Dio diede loro una famiglia propria.

Le levatrici ebree, in quel tempo, non avevano una famiglia con figli, in quanto erano al servizio del popolo; il Signore, però, volle ricompensare il loro coraggio e la loro fedeltà con un dono senza prezzo, una famiglia. Dopo aver visto nascere tanti bambini, finalmente poterono averne di propri.

Siamo coraggiosi per il nostro Dio e Lui provvederà ad ogni nostro bisogno!

Leave a Reply