Una inserzione insolita

Tu dunque sopporta sofferenze, come un buon soldato di Gesù Cristo. Nessuno che presta servizio come soldato s’immischia nelle faccende della vita, se vuol piacere a colui che lo ha arruolato. (2 Timoteo 2:3-4)

Una delle inserzioni più originali che sia mai stata pubblicata è quella apparsa su un giornale di Londra al tempo delle prime esplorazioni polari. Eccola: “Si cercano uomini per viaggio pericoloso. Modica retribuzione, freddo intenso, lunghi mesi nella notte polare, pericolo costante. Ritorno non assicurato”.

L’annuncio fu fatto pubblicare da Sir Ernest Shackleton, il celebre esploratore del Polo Sud. Commentando l’enorme quantità di posta ricevuta in risposta, Shackleton disse: “Si sarebbe detto che tutti gli uomini di Gran Bretagna ci volessero accompagnare”. Si trattava evidentemente di giovani coraggiosi, pronti a fare immensi sacrifici per una causa lodevole.

L’inserzione di Shackleton ci fa pensare alle parole di Cristo in Matteo 16:24: “Se qualcuno mi vuole seguire, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua”. Anche Lui cercava uomini pronti a partire in sua compagnia per una spedizione pericolosa: la via della croce.

Il Signore lanciò questo appello dopo aver indicato ai Suoi discepoli che si recava a Gerusalemme per soffrire e per essere messo a morte. Quanti hanno risposto a tale invito nel corso dei secoli, abbandonando tutto con gioia per seguirLo?

Ma, contrariamente alla spedizione di Shackleton, c’è ancora gran bisogno di volontari. Il lavoro prosegue. Il Signore continua a chiamare dei discepoli. Vuole solamente quelli pronti a seguirLo a qualunque costo.

Leave a Reply