Correre dietro il vento

Poiché Dio dà all’uomo che gli è gradito sapienza, conoscenza e gioia; ma al peccatore dà il compito di raccogliere e di accumulare, per lasciare poi tutto a colui che è gradito agli occhi di DIO. Anche questo è vanità e un cercare di afferrare il vento. (Ecclesiaste 2:26)

Nessuno corre dietro al vento, perché ciò costituirebbe un’azione inutile e per nulla proficua! La vita senza il Signore è vana, vuota, aleatoria esattamente come correre dietro al vento! Eppure, purtroppo, è il genere di vita che la maggior parte degli uomini si ostina a condurre.

Ancora oggi, come un tempo, le persone concentrano la propria attenzione su realtà che, seppure importanti, sono poco rilevanti rispetto al bene dell’anima e all’eternità. Infine, affermano deluse, dopo tanti sforzi: “Ma che vivo a fare?”, “che senso ha la vita?”.

Questa è l’amara conclusione di chi ha fiducia soltanto in sé stesso, di chi perde la gioia di vivere avendo fatto del profitto materiale e delle cose terrene il suo unico scopo: mangiare, bere e godere.

Ma lontano dal Signore tutto diventa inutile perché viene meno il senso stesso dell’esistenza umana. Secondo lo stesso Salomone il “tutto per l’uomo” è temere Dio e osservare la Sua Parola. Altro che correre dietro al vento cercando di afferrare l’inafferrabile!

Non trascorrere un’esistenza vuota e illusoria, smettila di girare in tondo senza arrivare da nessuna parte, corri a Gesù è scoprirai la vera vita.

Leave a Reply