Incontro vicino ad un pozzo

Gesù rispose e le disse: «Chiunque beve di quest’acqua, avrà ancora sete, ma chi beve dell’acqua che io gli darò non avrà mai più sete in eterno; ma l’acqua che io gli darò diventerà in lui una fonte d’acqua che zampilla in vita eterna». (Giovanni 4:13-14)

L’Evangelo di Giovanni riferisce la storia di una donna depressa dalla banalità della sua vita. Evidentemente elle aveva tentato di riempirla di sensazioni e di avventure. Aveva avuto cinque mariti: cinque tentativi di vita ardente, cinque delusioni. Alla fine era legata ad un sesto uomo, trascurando l’istituzione del matrimonio.

Situazione del tutto attuale, ma che la Parola di Dio condanna formalmente.

Presso il pozzo c’è Qualcuno che l’aspetta! Sotto l’aspetto di un viaggiatore stanco, non c’è niente di meno che il Figlio di Dio. Lui conosce tutte le insoddisfazioni e gli errori di questa donna. Nella Sua bontà, si è fermato in quel luogo soprattutto per lei.

“Dammi da bere” chiede Gesù. Che tatto per introdurre e continuare la conversazione! Nessun sermone, niente rimproveri, ma una promessa: Egli le può dare quello che la colmerà per sempre. Le darà ‘acqua che calmerà la sua sete di vivere. Ma può riempire solamente un cuore purificato.

“Mi ha detto tutto quello che ho fatto”. Non c’è niente da nascondere a Colui che nel frattempo ella ha imparato a conoscere come il Cristo! La donna dal cuore vuoto è ormai ripiena di un’abbondanza che supera la sua sete stessa. Va verso coloro che prima evitava: “Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto; non sarebbe Egli il Cristo? E molti credettero in Lui a causa delle sue parole.

Leave a Reply