La nostra vita è appesa a un filo

E ora a voi che dite: «Oggi o domani andremo nella tale città, e vi dimoreremo un anno, commerceremo e guadagneremo», mentre non sapete ciò che accadrà l’indomani. Cos’è infatti la vostra vita? In verità essa è un vapore che appare per un po’ di tempo, e poi svanisce. (Giacomo 4:13-14)

Alcuni anni fa un aereo precipitò in Egitto causando la morte di 150 persone. In pochi istanti intere famiglie furono distrutte e le aspettative di tutti quei viaggiatori furono annientate. Ognuno di loro pensava di tornare a casa, invece quella tragedia li travolse e non poterono fare nulla per evitarla, perché nessuno può controllare il proprio futuro.

Drammi come questo sono purtroppo frequenti e ci fanno prendere atto della realtà che la nostra vita è appesa a un filo, qualunque sia la nostra età. La Bibbia ci parla della fragilità umana in modo molto chiaro.

Poiché l’uomo non conosce la sua ora: come i pesci che sono presi in una rete crudele, e come gli uccelli che sono colti in un laccio, così i figli degli uomini sono presi nel laccio al tempo dell’avversità, quando piomba su di loro improvvisamente. (Ecclesiaste 9:12)

Dio, per mezzo della sua Parola, continua ad avvertire gli uomini su ciò che viene dopo la morte.

Perciò così farò a te, o Israele; e perché io farò questo a te, preparati, o Israele, a incontrare il tuo DIO. (Amos 4:12)

Quest’espressione così forte non ha l’obiettivo di terrorizzarci, ma di farci riflettere sulla solennità della vita e della morte.

Non vivere nella spensieratezza, ma pensa alla tua esistenza futura, a ciò che sarà di te dopo la morte. Dove trascorrerai l’eternità? Lontano da Dio a causa dei tuoi peccati, oppure alla presenza del Signore Gesù Cristo che ti offre il perdono e la vita eterna?

Egli ti invita a conoscerlo adesso, perché ti ama di un amore infinito e vuole la tua felicità eterna. Accetta il suo dono.

Leave a Reply