Leggere i nostri pensieri

Ma le vostre iniquità hanno prodotto una separazione fra voi e il vostro DIO, e i vostri peccati hanno fatto nascondere la sua faccia da voi, per non darvi ascolto. (Isaia 59:2)

Indubbiamente ci sono varie gradazioni nel male e i fatti lo dimostrano. Ma le radici di tutti i peccati si trovano allo stato latente in fondo ad ognuno di noi.

Poiché dal cuore provengono pensieri malvagi, omicidi, adultèri, fornicazioni, furti, false testimonianze, maldicenze. (Matteo 15:19)

Quanti cattivi pensieri, intenzioni o desideri colpevoli sonnecchiano in fondo alla natura umana! E’ una grazia che non tutti si concretizzano. Che sarebbe di noi se si riuscisse un giorno a leggere tutti i nostri pensieri e a manifestarli in piena luce?

Ma Dio, lui, ci conosce a fondo, ci vede così come siamo e non secondo le apparenze che ostentiamo. Egli dichiara che siamo peccatori e anche colpevoli davanti a lui, perché ogni peccato è un atto di disobbedienza alla volontà di Dio.

Da quel momento capiamo bene che, in uno stato simile, siamo per sempre messi al bando, lontani da lui. Nel cielo non può entrare nulla d’incompatibile con la santità di Dio.

Eppure, se dio condanna il peccato vuole però salvare il peccatore. La salvezza non poteva venire che da lui. Abbiamo un Salvatore, Gesù, figlio di Dio, che si è offerto per cancellare i peccati di tutti quelli che confidano in lui e che possono esclamare, come l’apostolo Paolo:

Io sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me; e quella vita che ora vivo nella carne, la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me. (Galati 2:20)

Leave a Reply