Lo scopo della nostra vita

Per questo motivo io soffro anche queste cose, ma non me ne vergogno, perché so in chi ho creduto, e sono persuaso che egli è capace di custodire il mio deposito fino a quel giorno. (2 Timoteo 1:12)

Nel 1991 in Unione Sovietica il Maresciallo Aknromeev si suicida tragicamente e su un foglio, lascia scritto: “Tutto ciò a cui ho consacrato la mia vita sta andando alla distruzione”. Quale tristezza in questa constatazione! Dare il meglio di se stessi per una causa che si rivela essere una causa sbagliata.

Qual è lo scopo della nostra vita? Stiamo servendo la buona causa? Ricercare le ricchezze, gli onori, il potere, è egoistico, e non serve certamente per la buona causa. Perseguire l’amicizia, la solidarietà, l’integrazione in una cerchia qualunque, è certo più generoso, ma corrisponde di fatto a un egoismo di gruppo.

Consacrarsi alla famiglia, alla buona moralità, ai diritti dell’uomo, alla difesa del paesaggio, è certo più nobile, ma la domanda è sempre la stessa: qual è la vera buona causa?

La si trova esclusivamente in Colui che è al di sopra di tutte le cose. Consiste nel vivere per il progetto di Dio, il bene assoluto, che si concentra in Gesù Cristo. Vivere per Gesù è la sola buona causa, essa riunisce i lati positivi di tutte le altre.

Infatti, Gesù Cristo è simultaneamente il modello della più alta moralità, il più grande liberatore degli uomini, è Colui che porterà la pace e l’armonia sulla terra. Egli detiene le promesse del presente e del futuro degli uomini. Affidiamogli dunque la direzione della nostra vita.

Per me infatti il vivere è Cristo, e il morire guadagno. (Filippesi 1:21)

Leave a Reply