Pendere dalle sue labbra

Ma non riuscivano a decidere che cosa fare, perché tutto il popolo lo ascoltava pendendo dalle sue labbra. (Luca 19:48)

Questo versetto evidenzia con particolare enfasi la reazione del popolo davanti alle parole di Gesù. In quei giorni il Maestro si recava al tempio per insegnare e puntualmente le Sue affermazioni conquistavano i presenti.

Davanti a Gesù si trovarono uomini desiderosi di ricevere la Sua Parola, persone che prestarono la massima attenzione a quanto detto e che, ascoltando bene, rimasero meravigliate dalla bellezza, dalla profondità, dalla veridicità e dall’autorità dei Suoi insegnamenti. Quelle che stavano ascoltando, però, non erano parole pronunciate da un famoso oratore o da un maestro fra i tanti, ma quelle del Figlio di Dio in persona!

In un’occasione, perfino i soldati mandati ad arrestare Gesù tornarono a mani vuote, ma con i cuori pieni, dicendo: «Nessuno parlò mai come quest’uomo!» (Giovanni 7:46). Le Sue parole, infatti, sono spirito e vita. Forse anche tu avresti voluto essere tra i presenti in quei giorni, eppure non tutti furono così coinvolti. I religiosi, i capi, più che mai cercavano di coglierlo in fallo per ucciderlo.

Riflettiamo: qual è la nostra reazione davanti alla Parola del Signore? Diamo davvero valore al Suo messaggio? Siamo attenti alla Sua voce? Dedichiamo del tempo per pesare le Sue parole? Impariamo anche noi a pendere dalle Sue labbra!

Leave a Reply