Riconoscere Gesù

Dopo queste cose, Gesù se ne andava per la Galilea, non volendo fare altrettanto in Giudea perché i Giudei cercavano di ucciderlo. Or la festa dei Giudei, detta delle Capanne, era vicina. Perciò i suoi fratelli gli dissero: «Parti di qua e va’ in Giudea, affinché anche i tuoi discepoli vedano le opere che tu fai. Poiché nessuno agisce in segreto quando cerca di essere riconosciuto pubblicamente. Se tu fai queste cose, manifèstati al mondo». Poiché neppure i suoi fratelli credevano in lui. (Giovanni 7:1-5)

Tutti questi perseveravano concordi nella preghiera, con le donne e con Maria, madre di Gesù, e con i fratelli di lui. (Atti 1:14)

In questi due versetti notiamo un fatto importante: il ruolo dei fratelli di Gesù prima e dopo la Sua morte. Prima, essi non credevano al Suo ministerio divino e alle Sue parole, proprio loro che aveva vissuto tanti anni a fianco a fianco al Messia. Eppure dovevano aver compreso la Sua natura mansueta, amorevole e compassionevole, ma proprio loro erano i primi scettici.

Dopo la Sua morte, la Sua resurrezione e la Sua apparizione essi credettero a tutto quello che Egli aveva loro insegnato, infatti li troviamo insieme a Maria e ai discepoli a pregare proprio nel nome di quel Gesù che avevano evitato, il loro fratello.

Maria, madre di Gesù, come qui è ben specificato e non madre di Dio, dato che Dio è il Creatore di ogni essere vivente, e quindi anche di questa onorevolissima donna, sta pregando per ricevere benedizioni e insegnamenti come tutti gli altri cari discepoli di Gesù.

L’invito che rivolgo a te è di accettare Gesù per fede. Non aspettare che il tempo passi inutilmente e abbia a pentriti come i fratelli di Gesù. Accetta Gesù nel tuo cuore ed Egli diventerà il tuo Liberatore e il tuo sostegno in ogni momento.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.