Nella barca

Simon Pietro era un pescatore. Dopo una notte di lavoro senza risultato, stava pulendo le reti. Gesù si avvicina alla riva, attorniato da una folla assetata delle sue parole.

Sale sulla barca di Pietro e gli chiede di allontanarsi un pò dalla riva per parlare meglio alla folla. Pietro ubbidisce. Poi il Signore gli ordina di andare al largo e gettare le reti per la pesca.

Pietro lancia la rete, dopo aver ricordato che avevano trascorso tutta la notte a pescare senza aver preso nulla. Che sorpresa! Sono così tanti i pesci che addirittura rompevano la rete!

Il Dio creatore fa irruzione nella vita di Pietro, nel suo vivere quotidiano, nella sua attività abituale, la pesca. Di fronte a tale potenza, Pietro si getta ai suoi piedi.

Vedendo questo, Simon Pietro si gettò ai piedi di Gesù, dicendo: «Signore, allontanati da me perché sono un uomo peccatore». (Luca 5:8)

Sembra paradossale gettarsi ai piedi di Gesù pur dicendogli: “Allontanati da me”. Ma questo atteggiamento è un esempio per ciascuno di noi. Cosciente dei propri peccati e della perfezione di Gesù, sente tutta la distanza che lo separa da lui, ed esclama: “Allontanati da me”.

Ma nello stesso tempo, la grazia e l’amore del Signore lo portano a gettarsi ai suoi piedi. Com’è la risposta di Gesù? E’ piena di grazia.

Infatti Pietro e tutti quelli che erano con lui furono presi da grande stupore, per la quantità di pesci che avevano preso. Lo stesso avvenne pure a Giacomo e a Giovanni, figli di Zebedeo, che erano compagni di Simone. Allora Gesù disse a Simone: «Non temere; da ora in avanti tu sarai pescatore di uomini vivi». (Luca 5:9-10)

E’ la nostra storia. Il peccato ci allontana da Dio e dal suo Figlio Gesù Cristo, ma soltanto Lui può salvarci; e il suo amore ci attira a Lui!

Leave a Reply