Protezione divina

Preservami, SIGNORE, dalle mani dell’empio, proteggimi dall’uomo violento: essi hanno tramato per farmi cadere. (Salmi 140:4)

In un carcere dell’Africa, il pastore di una chiesa, Joshua, attendeva di essere ucciso. Aveva sempre predicato il messaggio dell’amore e del perdono divino, ma la polizia segreta aveva comunicato al dittatore della sua nazione che la chiesa stava crescendo, e aveva disposto l’arresto del pastore.

Joshua sapeva che i prigionieri erano torturati prima della loro esecuzione e che molti soccombevano. Così gridò al Signore: “Ho paura, Signore, aiutami. Non ho paura della morte ma di essere torturato prima di morire. Fa’ che il primo colpo sia mortale, ti prego?”

Joshua racconta come Dio intervenne: “All’improvviso, ho visto come una luce e ho sentito come una voce che mi diceva: Non sei solo, io sono con te. Ogni paura scomparve: caddi in ginocchio lodando il Signore. Devo aver cantato ad alta voce, la porta della mia cella si aprì e due poliziotti mi tirarono fuori. Pensavo che il momento della mia morte fosse arrivato, ma continuavo a rivolgermi al mio Signore. L’ufficiale, quando mi vide, disse ai poliziotti: “Avete sentito come canta? E’ completamente pazzo. Non serve a nulla ucciderlo, buttatelo fuori!” Un attimo dopo ero libero.”

E’ l’esperienza che hanno fatto anche molti altri credenti.

Il SIGNORE ti proteggerà, quando esci e quando entri, ora e sempre. (Salmi 121:8)

Nella Bibbia troviamo un racconto simile (Atti 16:22-34): un carceriere, con la sua famiglia, ha trovato la fede dopo aver sentito due detenuti, l’apostolo Paolo e Sila, che nella loro cella cantavano lodi a Dio!

Tu sei il mio rifugio, tu mi proteggerai nelle avversità, tu mi circonderai di canti di liberazione. (Salmi 32:7)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.