Profezie

Scomode verità

Così dice l’Eterno a questo popolo: «A loro piace veramente girovagare; non trattengono i loro passi. Perciò l’Eterno non li gradisce; ora ricorda la loro iniquità e punisce i loro peccati». L’Eterno quindi mi disse: «Non pregare per questo popolo, per il suo benessere. Anche se digiunano non ascolterò il loro grido; se fanno olocausti e offerte di cibo non li gradirò; ma li sterminerò con la spada, con la fame e con la peste».

Allora dissi: «Ah, Signore, Eterno! Ecco, i profeti dicono loro: “Voi non vedrete la spada né soffrirete la fame, ma io vi darò una pace sicura in questo luogo”». L’Eterno mi disse: «I profeti profetizzano menzogne nel mio nome; io non li ho mandati, non ho dato loro alcun ordine e non ho parlato loro. Essi vi profetizzano una visione falsa, una divinazione vana e l’inganno del loro cuore.

Perciò così dice l’Eterno riguardo ai profeti che profetizzano nel mio nome senza che io li abbia mandati, e dicono: “Non ci sarà né spada né fame in questo paese”, quei profeti saranno consumati dalla spada e dalla fame. Quanto poi al popolo al quale essi hanno profetizzato, sarà gettato nelle vie di Gerusalemme a motivo della fame e della spada, e non vi sarà nessuno che li seppellisca, essi, le loro mogli, i loro figli e le loro figlie.

Così riverserò su di loro la loro malvagità». Di’ loro dunque questa parola: «Versino lacrime i miei occhi giorno e notte senza smettere, perché la vergine figlia del mio popolo è stata colpita da una grande calamità, da una ferita profonda. Se esco per i campi, ecco gli uccisi per la spada; se entro in città, ecco quelli che languiscono per la fame. Perfino il profeta e il sacerdote si aggirano per un paese che non conoscono». (Geremia 14:10-18)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *